Allevamento

Allevamento
Allevamento 2019-06-12T14:26:42+00:00

Perchè buttarsi nell’avventura di aprire un allevamento di Bovari del Bernese?

Perchè ne siamo rimasti stregati. Ma cominciamo dal principio.

Dopo anni di vita nel pieno centro di Bologna, due figli adolescenti ed un assaggio di campagna, è nato in me, in noi, il desiderio di allontanarci dal caos, dai rumori e dalla frenesia della città.
Nel 2007, dopo varie ricerche, abbiamo trovato finalmente una casa che faceva al caso nostro nella zona collinare di Bologna. C’era parecchio da fare, ma la vista che si poteva godere da quell’angolo di paradiso era impagabile. Così, dopo circa tre anni di sacrifici e di duro lavoro ci siamo trasferiti a Ca’ de Magri.

Il prato circostante la casa e la cornice di bosco e sottobosco che si estendevano su un’area di oltre 2 ettari ci facevano assaporare ancora di più quel contatto con la natura che avevamo cercato; tuttavia pareva che mancasse ancora qualcosa.
Nel dicembre del 2012, in una breve vacanza in Svizzera, durante una passeggiata per il centro di Losanna, in modo del tutto inaspettato, abbiamo avuto un incontro che ci avrebbe cambiato la vita. Un meraviglioso Bovaro del Bernese, maestoso ed imponente, se ne stava andando in giro con una tranquillità e pacatezza inimmaginabili in un bestione di 60 kg. Sicuramente ci sarà stato anche il suo padrone e certamente gli avrò chiesto il permesso prima di affondare la mano in quella montagna di morbido pelo ma, come per tutti i colpi di fulmine che si rispettino, il contorno era sparito ed io non avevo occhi che per lui!
Avete presente quando si mette in moto un meccanismo irrefrenabile?
Nel settembre 2014 è arrivato Teo: eravamo stanchi di rievocare soltanto l’immagine del Bovaro dei nostri ricordi e ne volevamo uno tutto per noi. Passare da Zucchero, un coniglietto bianco, ad un Bovaro non è stato automatico, ma lui, con la sua dolcezza, ha reso tutto più semplice, tanto che nel giro di un anno ci ha fatto venire la voglia di trovargli una compagnia che non lo facesse sentire solo quando noi eravamo in altre faccende affaccendati. Ma a quel punto io volevo saperne di più di questa razza fantastica e dei luoghi in cui ha avuto origine.
Ho preso così contatto con il KBS, il Club Svizzero del Bovaro del Bernese, per visitare alcuni dei più importanti allevamenti della zona e la regione dell’ Oberland Bernese. E in un attimo ci siamo ritrovati immersi in un’ atmosfera vagamente magica dove distese di prati così verdi da sembrare velluto erano racchiusi dall’abbraccio suggestivo delle Alpi.

E se ero partito mosso principalmente dalla curiosità e da un desiderio forse ancora inconsapevole, sono tornato carico di tante emozioni e di una grande certezza: avrei allevato Bovari del Bernese. Ecco perchè ora, con Teo, ci sono Rose, Penny, Bea, Ulisse e Calì. Per ora.

Ma la passione e le migliori intenzioni non bastano.
La normativa della Regione Emilia Romagna è piuttosto rigorosa in tema di tutela del benessere animale e di regole per l’apertura di un allevamento di cani di razza. E così ho dovuto chiedere ed ottenere permessi per la realizzazione delle varie strutture richieste dalla normativa stessa: locali per infermeria, deposito attrezzature e soprattutto i box.

Anche questi ultimi a breve verranno ultimati e la normativa adempiuta, ma per fortuna potremo continuare a tenerne aperti i cancelli e lasciare che i nostri magnifici amici scorrazzino liberi nei 2 ettari della nostra proprietà recintata, come sempre hanno fatto da quando li abbiamo voluti con noi.
Perchè ognuno di loro è parte della nostra famiglia.

by Stefano Calzoni

STEFANO

ALBERTA

LAURA

NICOLA

Galleria dell’allevamento